Quali Sono Le Differenze Tra Content Marketing e Marketing Tradizionale Secondo Joe Pulizzi

generare clienti

Continuiamo il nostro viaggio nel mondo del Content Marketing secondo Joe Pulizzi, fondatore del Content Marketing Institute ed uno tra i primi a sistematizzare la realizzazione di contenuti aziendali in ottica di acquisizione clienti.

Nel suo libro “Epic Content Marketing”, Pulizzi investe molte pagine a definire le differenze fondamentali che dividono il Content Marketing dal Marketing Tradizionale e che sono importanti da conoscere per tracciare delle strategie online realmente efficaci.

La prima differenza che passa tra il marketing convenzionale ed il content marketing è che il primo spara nel mucchio pescando praticamente a traino, mentre il secondo colpisce un cliente preciso con un’esigenza specifica e – quando è possibile – al momento giusto.

Per chi come ha vissuto come me la sua crescita professionale quasi esclusivamente nel mondo online, questa è una ricetta ovvia ma vi posso assicurare che per creare una strategia di content marketing realmente efficace questa ricetta e questa affermazione non sono mai ne banali ne del tutto vere.

Infatti, durante la mia esperienza di content marketer, mi è capitato spesso di essere troppo preciso e molte altre di essere troppo generalista.

Dalla mia esperienza, è quella di mezzo la via vincente.

La mia personale ricetta è questa:

1. Articoli precisi da pubblicizzare a pagamento
2. Articoli più generici che hanno sia la funzione di creare una cornice rispetto all’intera strategia sia di prendere il cliente ne suoi vari stati di interesse.

Ma andiamo avanti con Pulizzi.

Secondo Pulizzi poi, mentre il marketing tradizionale parla molto di te, della tua impresa, dei tuoi obiettivi, il content marketing riguarda esclusivamente il cliente ed i suoi bisogni più pressanti che sei chiamato sempre a soddisfare.

Bah, mi sembra un po’ una generalizzazione anche perché il marketing tradizionale si è spesso contaminato con il direct response marketing, ma diciamo che – a livello didattico – questa affermazione è sostanzialmente vera.

Ma come ci può essere utile?

Il modo più semplice è riflettere su vostro “Chi Siamo” all’interno del sito.

Il “Chi Siamo” non deve mai circoscrivere solo ed esclusivamente il 100% della vostra azienda altrimenti è come se vi parlereste allo specchio.

Il “Chi Siamo” per essere davvero efficace (ponete l’attenzione sul fatto che è più o meno la 2° o la 3° pagina visitata di ogni sito aziendale) deve contaminarsi con un “Che Cosa Facciamo Per Te”.

In questo modo chi lo leggerà saprà in pochi istanti che la tua azienda può o non può essergli utile o meglio dire indispensabile.

Passiamo ad un’altra differenza secondo Pulizzi.

Secondo Pulizzi il content marketing è molto più flessibile e misurabile rispetto al marketing tradizionale.

Totalmente vero se sai come farlo naturalmente e se hai il budget per farlo – ovviamente.

A me è capitato spesso di cambiare in corso d’opera una strategia fallimentare o poco performante e quando ce l’ho fatta è dipeso da tre fattori: un’analisi efficace a priori del contesto, un budget a disposizione quantificabile più o meno in 1.000 visite a pagamento e sempre naturalmente un cliente illuminato e che ripone una fiducia totale nelle tue competenze.

La misurazione inoltre è la vostra gomma da masticare da assoporare ed allungare a seconda degli obiettivi primari e secondari di una campagna.

Un’altra differenza molto importante secondo Pulizzi è poi il fatto che le azioni di content marketing rispetto al marketing tradizionale avvengono sia prima (quando il cliente arriva) che dopo (quando il cliente se ne va od ha acquistato).

Verissimo (diciamo verissimo fino a quando non ci sarà una totale integrazione tra messaggi TV, radio, Internet e Demotica – cosa che già sta accadendo).

Una strategia vincente di content marketing associata ad azioni di Remarketing, mail marketing etc, ti consentirà di costruire quello che è il Pilastro del tuo monumento al successo ossia la Relazione.

Più crei Relazioni più crei Fatturato – naturalmente se sai come farlo.

Secondo Pulizzi poi, il content marketing è meno rischioso perché è più controllabile.

Beh, fino ad un certo punto. Ho visto colleghi sprofondare in conversazioni social inutili o peggio offensive dove hater concorrenti o semplici teste di c….o spendevano il loro tempo prezioso per fare da cilicio a professionisti anche quotati.

Ma andiamo avanti.

Un ulteriore vantaggio del content marketing rispetto al marketing tradizionale secondo Pulizzi è il fatto che ti consente di reclutare ed essere reclutato.

Vero, Totalmente Vero.

Io per primo sia sono stato reclutato anni fa per una strategia editoriale vincente, sia ho avuto il piacere di trovare persone in gamba con cui collaborare leggendo gli articoli che avevano prodotto.

Un’accortezza però: un talento in gamba (e non sto parlando di un professionista che si trova spesso ad elemosinare il tempo libero per sé stesso) non scrive un articolo e basta, ne scrive tanti.

Perciò guarda se questo tipo o questa tipa alle prime armi posseggono il vero martello di Thor ossia la costanza.

Se non ce l’hanno cerca il vero Odino.

Un altro vantaggio e differenza del content marketing rispetto al marketing tradizionale è il fatto che poi il content marketing crea un ambiente motivato in azienda.

Vi posso dire che è proprio così e non solo, il content marketing in azienda ha un ulteriore effetto importante: il cosiddetto effetto centrifuga.

Di solito troverete chi si oppone, non ha voglia, non ha tempo, ha il cane a casa e qualsiasi altra scusa per non produrre il contenuto.

Se tutti gli altri non si faranno influenzare e continueranno a produrlo, questa zecca prima o poi si sentirà fuori luogo e se ne andrà – per il bene della vostra azienda.

Un contenuto epico di content marketing, secondo Pulizzi, avrà poi la capacità di far parlare la gente perché avrà tutti i crismi per diventare virale.

La differenza finale tra il marketing tradizionale ed il content marketing è che poi, se il tuo personal brand avrà messo radici forti, potrai finalmente farti pagare un meraviglioso contenuto premium.

Vuoi vendere di più attraverso il copywriting scientifico?

Iscriviti alla newsletter Neurosemantica Per CEO Con Il Metodo Copy Memory© e impara a farlo.
Oltre 500 lezioni già pronte.